Strumenti personali
Tu sei qui: Portale
Accedi


Hai dimenticato la tua password?
 

alias-1

alias-1

alias-2

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-2

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

alias-1

Un mese dopo il Convegno A.MA.DI.R. "Profili e problematiche dei diritti di proprietà industriale in Rete"

Una riflessione del Presidente di A.MA.DI.R. sul Convegno organizzato a Firenze il 21 maggio 2010 sul tema "Profili e Problematiche dei diritti di proprietà industriale in Rete" ad un mese di distanza dall'evento.

21 maggio 2010-21 giugno 2010.

 

E' trascorso un mese dal giorno del Convegno che A.MA.DI.R ha organizzato a Firenze, presso la Sala Auditorium dell'Ente Cassa di Risparmio, in una cornice prestigiosa all'ombra della Cupola del Brunelleschi.

 

Il tema del Convegno è stato “Profili e Problematiche dei diritti di proprietà industriale in Rete” ed ha rappresentato il primo grande evento dal carattere scientifico che A.MA.DI.R ha voluto organizzare per i suoi associati e per gli ospiti, fiorentini e non, invitati all'incontro.

 

A.MA.DI.R. si è sinora distinta nell'impegno di “alfabetizzazione informatica” del mondo forense con l'organizzazione di iniziative, seminari e convegni sul nuovo processo telematico e sull’utilizzo delle strumentazioni informatiche di cui l'avvocato odierno può o, addirittura, deve dotarsi. Ma, da associazione giovane qual è, sta iniziando ora a cimentarsi in occasioni di confronto dal tenore maggiormente scientifico. Come il Presidente di A.MA.DI.R. è solito dire, il 21 maggio si è celebrato il battesimo di A.MA.DI.R. nella trattazione dei “grandi” temi che riguardano il mondo di Internet.

 

E non a caso, infatti, l'ha voluto fare invitando un cast di attori di tutto rispetto. Anzi, un cast quasi “provocatorio”, la cui selezione è stata meditata con cura.

 

La provocazione è consistita nell'aver fatto sedere, l'uno a fianco dell'altro, uno dei “Guru” della Proprietà Industriale, il Prof. Avv. Luigi Ubertazzi, professore ordinario di Diritto Industriale dell'Università degli Studi di Pavia, nella sua impeccabile veste di moderatore e alcuni fra i più bravi e giovani “avventurieri” del mondo della proprietà intellettuale sul Web: gli avvocati e blogger (e pure un po' “pirati”) Guido Scorza e Marco Scialdone. Due mondi a confronto che non possono, ormai, fare a meno l'uno dell'altro. L'uno, quello delle nuove leve, perché tanto deve agli studi sulla  proprietà intellettuale del Prof. Avv. Ubertazzi, l'altro, quello istituzionale - accademico, perché non può esimersi dal confrontarsi con chi, oggigiorno, intende attualizzare la proprietà intellettuale. La “provocatorietà” dell'incontro si è spinta al punto da invitare, in mezzo ad alcuni degli esponenti più rappresentativi dell'attuale multiformità del panorama della proprietà intellettuale in Italia, anche il mondo dell'industria e dei professionisti che della concretizzazione della proprietà intellettuale fanno il loro mestiere: il designer e professore Stefano Maria Bettega, direttore dell'ISIA di Firenze (Istituto Superiore Industrie Artistiche). La presenza di un designer era, infatti,  fondamentale per comprendere le difficoltà che un artista può incontrare nell'immettere in Rete le sue opere e anche per conoscere il punto di vista di un “non giurista”, che molte volte è in grado di fornire spunti o prospettive ben più innovative di quelle proposte dal legislatore.

Infine, la compagine femminile del cast era composta dalla Dott.ssa Rita Rossi, responsabile dell'unità degli aspetti legali e contrattuali del Registro Italiano del Nic.it presso il C.N.R. e dall' Avv. Claudia Del Re, avvocato e dottoranda di ricerca in Proprietà Industriale presso l'Università degli Studi di Parma, nonchè Presidente di A.MA.DI.R. e, quindi, per diversi motivi, “padrona di casa”. L'una è espressione di una realtà consolidata ed istituzionale quale il CNR, che ben faceva da contraltare femminile al Prof. Avv. Ubertazzi, l'altra è espressione del mondo dei giovani studiosi, che credono ancora nell’importanza del confronto tra appassionati della materia. Il trait d'union femminile, quindi, tra gli avvocati Scorza e Scialdone.

 

Vedere unite queste differenti realtà, che poi altro non sono se non le facce di un'unica medaglia, ossia la proprietà intellettuale con i suoi profili e problematiche negli anni 2000, è stato davvero affascinante. Di sicuro rischioso, in qualche modo, perché obiettivamente l'unione di differenti realtà poteva generare incomunicabilità. Ma così non è stato.

 

L'encomiabile direzione dei lavori del Prof. Avv. Ubertazzi ha saputo accogliere, criticare o avallare ogni punto di vista offerto dai relatori. I quali, ed è stata forse questa la vera ricchezza del  Convegno, si sono mantenuti rigorosamente fedeli alla loro realtà, provenienza e soprattutto al ruolo che si sono dati nel mondo della proprietà intellettuale.

 

L'avvocato Guido Scorza, nel difficile compito di illustrare la tutela delle opere dell'ingegno in Internet data la vastità assoluta del tema, ha saputo  illustrare la mutevolezza del diritto d’autore che, da diritto tutelato mediante formule sacramentali analoghe a quelle delle maledizioni fiabesche, è approdato alle reti telematiche ed è costantemente oggetto di nuove analisi e speculazioni da parte del legislatore e delle corti. Fra i recenti casi citati nel corso dell’incalzante relazione, infatti, si ricordano il caso FAPAV/Telecom e RTI/Youtube, dove problemi classici della tutela autoriale si son dovuti scontrare con le peculiarità offerte dalle nuove tecnologie. L'avvocato Claudia Del Re, partendo proprio da alcune considerazioni dell'avv. Scorza, si è addentrata nei nuovi fenomeni di contraffazioni di marchi d'impresa che necessariamente il Web presenta, cercando di porsi e porre la domanda se, poi, tali nuove forme di contraffazione siano davvero così nuove o se, in realtà, è la nozione di marchio d'impresa che cambia. E proprio da questa considerazione la Dott.ssa Rossi ha parlato a lungo, e con dovizia di particolari, delle violazioni dei marchi a mezzo dell'adozione di nomi a dominio identici e/o simili a questi ultimi e dei rimedi che il nostro Registro.it mette a disposizione degli utenti.

 

A dir poco interessante, poi, è stato il passaggio di testimone successivo, quando, cioè, dopo gli interventi più strettamente ricostruttivi di Scorza, Del Re e Rossi, il microfono è passato nelle mani dell'avvocato Scialdone e del Prof. Bettega. Il primo, un avvocato interessato di Machinima, che ha saputo parlare, con linguaggio semplice e appassionato, dei problemi creati dai cosiddetti user generated content, ovvero quei contenuti generati dagli utenti sfruttando piattaforme messe a disposizione dai produttori, in particolare dai produttori di videogiochi. Quid iuris se l’utente, invece che fruitore passivo dell’opera dell’ingegno, diventa a sua volta “autore” guidando un determinato personaggio affinchè compia attività non strettamente strumentali al prosieguo del videogioco ma rispondenti ad un copione scritto proprio dall’utente? A questa domanda, purtroppo, neanche il parterre del Convegno ha saputo fornire una risposta univoca. Il secondo, un designer,  ha illustrato i filmati degli studenti della sua Scuola alle prese con il rispetto del diritto d'autore e la vita delle opere di design che riescono con difficoltà a trovare un “loro posto nel mondo della Rete”. Entrambi, forti del coraggio di rappresentare temi di grande attualità, si sono saputi meritare le incursioni del sapiente Prof. Avv. Ubertazzi che interveniva spesso per commentare, apprezzare e, perchè no, sorprendersi divertito dei risultati presentati dai due relatori. E qui, più che mai, si toccava con mano come i vari mondi della proprietà intellettuale si sono saputi “vedere” e “studiare”: quello più tradizionale e quello delle nuove leve e dei professionisti/utenti.

 

Questo, racchiuso in poche righe, è l'ardire e l'ardore del Convegno A.MA.DI.R. tenutosi a Firenze lo scorso 21 maggio 2010.

 

Ci si augura che sia solo il primo di una lunga serie di incontri scientifici che A.MA.DI.R. ha in programma nel prosieguo della sua attività associativa. Ma, si sa, il primo amore non si scorda mai. Soprattutto se il primo è stato un amore così “coraggioso” come questo.

 

Il Convegno si è concluso, poi, con le accorate parole del Prof. Avv. Ubertazzi che, al termine dei lavori, dopo aver ascoltato le parole degli intervenuti, si è guardato intorno e, rivolto alla platea, ha esclamato a gran voce che “occorre dare spazio ai giovani”. Quasi a voler dire che tutti i relatori, seppure nella loro differenza, anche d'età, sono stati ingredienti indispensabili per inquadrare le problematiche della proprietà intellettuale in Rete ma anche, e soprattutto, che la proprietà intellettuale è ancora giovane ed attuale. E proprio grazie alla Rete.

 

Claudia Del Re

 

alias-1

tavola rotonda "Il cambiamento, caratteristica connaturata al diritto delle nuove tecnologie: novità, metodi e prospettive"

Cosa
Quando 08/06/2010
da 03:00 pm al 06:30 pm
Dove Biblioteca Consiglio dell’Ordine
Partecipanti Avv. C. Del Re
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Il prossimo 8 giugno 2010 h. 15.00 viene organizzata dal CSIG di Bari la tavola rotonda "Il cambiamento, caratteristica connaturata al diritto delle nuove tecnologie: novità, metodi e prospettive". L'incontro si tiene a Bari, presso la Biblioteca Consiglio dell'Ordine (VI piano Palazzo di Giustizia) e vede la partecipazione dell'avv. Massimo Melica, Presidente di CSIG, del fondatore del Circolo dei Giursisti Telematici, avv. Fabrizio Sigillò, e di AMADIR in persona del Presidente, l'avv. Claudia Del Re.

Invitiamo all'iniziativa tutti gli associati

Di seguito il programma dell'evento:

IL CAMBIAMENTO, CARATTERISTICA CONNATURATA AL DIRITTO DELLE NUOVE TECNOLOGIE: NOVITÀ, METODI E PROSPETTIVE
Evento Finale – Consegna Attestati

martedì 8 giugno 2010 ore 15.00

Modera
GUIDO SCORZA
Presidente Istituto per le Politiche dell'Innovazione
Intervengono
MASSIMO MELICA - Presidente CSIG Italia
FABRIZIO SIGILLÒ - Presidente Circolo Giuristi Telematici
CLAUDIA DEL RE - Presidente A.MA.DI.R.
Intervento in videoconferenza
GIOVANNI PASCUZZI - Ordinario di Diritto Privato Comparato – Università degli Studi di Trento

Error: Layout not found!

layout
featured

Error: Layout not found!

layout
portlet
Azioni sul documento